• Trequanda
    Trequanda, affaccio sulla valle
  • Chianciano Terme
    Chianciano Terme, Piscine Termali Theia
  • Pienza
    Pienza, Monastero di Sant'Anna in Camprena
  • Montepulciano
    Montepulciano, Palazzo Comunale
  • Torrita di Siena
    Torrita di Siena, Parco "Il tondo" di Montefollonico
  • Sarteano
    Sarteano, Necropoli di Pianacce
  • Sinalunga
    Sinalunga, Teatro Comunale Ciro Pinsuti
  • Cetona
    Cetona, Parco Archeologico Naturalistico di Belvedere
  • Chiusi
    Chiusi, Lago di Chiusi
  • San Casciano dei Bagni
    San Casciano dei Bagni, Palazzo Comunale

Comunicato stampa

23 novembre 2022 - ore 10.30

 

Chianciano Terme, in scena al Teatro Caos la storia dell’avvelenatrice Giulia Tofana

Sabato 26 novembre, per la Giornata internazionale per eliminazione della violenza sulle donne

Con Chiara Savoi, lo spettacolo è a cura dell’Associazione Culturale Gli Sparvieri di Siena

 

“Giulia Tofana – il destino di un’avvelenatrice” è lo spettacolo che l’associazione culturale Gli Sparvieri presenta, fuori abbonamento, al Teatro Caos sabato 26 novembre, alle ore 21.15, come iniziativa per ricordare la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che ricorre ogni 25 novembre.

Il testo, scritto da Giovanni De Rubertis e Stefano Tigli, con Chiara Savoi nel ruolo della protagonista, Matteo Casamonti e Miriam Forconi, tratta la storia di Giulia Tofana, personaggio realmente esistito nella prima metà del Seicento, che si dice producesse un potente veleno in grado di togliere la vita senza lasciare tracce. La pozione, realizzata grazie alle sue conoscenze botaniche, era poi diffusa tra le donne maltrattate, intenzionate a interrompere le violenze subite dai loro mariti uccidendoli.

Della storia di Giulia Tofana esistono versioni controverse, che mettono in dubbio sia la sua buona fede, sia il fatto che l’interesse delle acquirenti fosse effettivamente solo quello di salvarsi dalle violenze.

La narrazione proposta da Gli Sparvieri affronta la vita di Giulia Tofana mentre si trova rinchiusa nelle carceri di Castel Sant’Angelo. Nella notte che precede la sua esecuzione, l’avvelenatrice ripercorre tutta la sua vita, l’infanzia a Palermo, gli insegnamenti sulle proprietà delle piante ricevuti dalla madre, la creazione del veleno, con cui dapprima uccide il marito aguzzino e che poi inizia a vendere ad altre donne nella sua stessa situazione, quindi la fuga a Roma, dove riprende la sua attività, per essere infine scoperta e imprigionata.

Al monologo interpretato da Chiara Savoi si accompagnano di tanto in tanto gli interventi sulla scena degli altri due personaggi e le musiche composte per lo spettacolo ed eseguite dal vivo con pianoforte, chitarra acustica e violino.

 

L’iniziativa, proposta da Lst Teatro, si svolge con il patrocinio del Comune di Chianciano Terme.

Per informazioni e prenotazioni contattare il numero 0578 321101 o via mail l'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..


Aggiornamento 23 novembre ore 11.30 (ag)